Guida alla città di Melfi le cose da vedere

Melfi è una città tranquilla, deliziosa, ma il castello e la città vecchia medievale hanno molto carattere. Insomma se siete in Basilicata ed avete un po’ di tempo libero è sicuramente una città piacevole da visitare. Già consolidata prima dell’epoca degli antichi romani, Melfi acquistò importanza nel Medioevo grazie all’invasione dei Normanni ed è proprio questa epoca che definisce il carattere della città che visitiamo oggi.

In linea generale, Melfi corre lungo il crinale di una collina con uno sviluppo più nuovo nella valle sottostante, con il castello rialzato sopra la città a un’estremità del crinale. Il centro storico di Melfi era interamente circondato da mura difensive per lo più costruite dai Normanni, ancora largamente intatte e ora estese per oltre quattro chilometri.

Altre fasi della costruzione delle mura risalgono ai periodi svevo e aragonese, vedi informazioni sul sito.

Castello di Melfi

Il patrimonio architettonico di Melfi fu significativamente colpito dai terremoti del 1851 e del 1930, ma sopravvisse la potente struttura del castello normanno. La parte più antica del castello, a pianta quadrata con torri angolari, ha avuto la sua prima espansione sotto il regno di Ruggero II (1095-1154), che ha costruito la parte centrale del complesso nel 1129. Questo è stato ampliato da Federico II di Svevia , con la cosiddetta “Torre Marcangione” e il serbatoio nel cortile posteriore.

Il castello ha una forma poligonale irregolare con otto torri. Le mura perimetrali, punteggiate da massicce torri, furono costruite dagli Angioini tra il 1277 e il 1281, sotto la direzione di Riccardo da Foggia, e successivamente dal regale architetto Pierre d’Angicourt.

Molti eventi storici importanti hanno avuto luogo nel castello di Melfi. Forse il più notevole è che fu qui nel 1089 che papa Urbano II annunciò la prima crociata.

Il castello divenne la residenza di Carlo I d’Angiò [1226-1285], che ordinò ulteriori costruzioni intorno alla sala del trono nel 1280; poi di Giovanni II Caracciolo nel 1460 e Marcantonio del Carretto nel 1531. Del Carretto era figliastro di Andrea Doria ed è stata la famiglia Doria che ha svolto importanti lavori sull’edificio per realizzarlo più adatto alle esigenze di un nobile del XVI secolo.

Oggi il castello è sede del Museo Archeologico Nazionale , che espone numerosi reperti archeologici provenienti dalle zone circostanti. Tra gli oggetti esposti si possono ammirare gioielli bizantini e il famoso “sarcofago di Rampolla” (dal nome del villaggio in cui è stato ritrovato nel 1856), uno degli esempi più importanti della scuola d’arte asiatica e risalente al II secolo d.C. Sul sarcofago era rappresentato un tempio con alcune figure di dei e eroi, con una copertina raffigurante il defunto.

Cattedrale di Melfi

Il centro storico di Melfi contiene diversi edifici religiosi, alcuni dei quali contengono preziose opere d’arte. Inizia con una visita alla Cattedrale dell’Assunta , originariamente costruita nel 1155 ma ricostruita più volte dopo i terremoti. Solo la torre rimane dell’edificio originale costruito dai Normanni, Guglielmo il Male. Dopo la conquista normanna fu costruita una nuova cattedrale per sostituire la precedente chiesa e dedicata alla Vergine Maria per volontà del re Ruggero II.

Il campanile, che è l’unica parte della cattedrale originale sopravvissuta a tutti i terremoti, ha una base quadrata, un’altezza di 56 metri e un perimetro di 37 metri. All’interno della Cattedrale ci sono alcune interessanti opere d’arte tra cui un’icona della Madonna di Costantinopoli in stile bizantino; un coro ligneo della seconda metà del XVI secolo di Mastro Giorgio Albanese; e alcune sculture in legno con i simboli dei quattro evangelisti.

Altri monumenti e chiese religiosi

Successivamente è possibile visitare la Chiesa di Sant’Antonio , costruita nel 1423 e restaurata dopo il 1851. La chiesa fu gravemente danneggiata dall’esercito di Odet de Foix nel 1528 durante l’assedio di Melfi. Resistette ai terremoti del 1731 e del 1752, ma quello del 1851 causò gravi danni. In stile romanico e gotico contiene alcuni affreschi, una statua lignea di “Sant’Antonio e Bambino” dipinta in oro e una foto del XVI secolo della scuola napoletana.

Palazzo Pastore a Melfi

Nella chiesa di San Teodoro si trova un crocifisso ligneo di medie dimensioni e una statua della “desolata Madonna”, mentre la chiesa del Carmine di Melfi risale al XVI secolo e faceva parte del monastero carmelitano.

Nel 1648 la chiesa fu completamente ricostruita e abbellita con affreschi e dipinti. La facciata è in pietra e presenta due nicchie protette dal vetro con statue di S. Antonio e Irene e una croce di ferro sul timpano.

L’interno della chiesa ha un dipinto di S. Onofrio, di un artista sconosciuto ma probabilmente influenzato dalle opere di Caravaggio (1571-1610). Un altro dipinto notevole qui è “Il massacro degli innocenti” nel tardo stile manierista e risalente al 17 ° secolo.

La Chiesa di San Lorenzo, risalente al 1120 e all’epoca appartenente all’Abbazia di San Ippolito a Monticchio, è probabilmente la chiesa più antica di Melfi. Di forma ottagonale è sostenuto dalla base di una torre del 12 ° secolo.

A Melfi ci sono numerose altre chiese, alcune piuttosto pittoresche tra cui la Chiesa rupestre dello Spirito Santo , scavata nella roccia a circa 900 metri di altezza nei boschi del Monte Vulture. Questa chiesa custodisce una statua della Vergine Maria che viene trasportata attraverso la città durante la festa di Pentecoste, in memoria della battaglia tra i francesi e gli spagnoli contro Melfi.

Palazzi di Melfi

Ci sono anche numerosi edifici civici da scoprire a Melfi. Questi includono il Palazzo Vescovile , in origine un edificio normanno del 11 ° secolo e ora ristrutturato in stile barocco. All’interno c’è una galleria con alcuni dipinti di Cristiano Danona (16 ° secolo). È anche sede della biblioteca del Vescovo, che contiene alcuni documenti rari.

Il Palazzo Araneo ha una facciata in stile rinascimentale, ma il resto della struttura risale al medioevo. Concludi il tuo tour dei palazzi di Melfi con il Palazzo Mandini , in stile neo-classico ma che si fonde molto bene con altri aspetti dello stile rinascimentale.

Cucina tradizionale di Melfi

Oltre ad una ricchezza di monumenti storici, Melfi ha anche mantenuto uno stretto rapporto con il passato nella sua cucina. Il piatto più tradizionale è il “Maccuarnar”, un tipico piatto di pasta a Melfi realizzato con uno speciale mattarello che permette al cuoco di ottenere i preziosi “maccheroni”.
Non meno caratteristiche sono le Lagane di castagna, preparate con una particolare varietà di pasta a base di farina di grano. Infine, un altro prodotto tipico locale Melfi è il “Pancotto” fatto con pane, patate e rape, bollito insieme nella stessa pentola e servito con un olio fritto, aglio e peperoncino. Il più notevole tra i piatti regionali principali è il “Cucinidd”, l’agnello cotto con pancetta, salsiccia, pomodori, uova e cardi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *