Quando è inverno si sta bene al calduccio, però non è possibile restare solo in un determinato posto. Anche all’inverno abbiamo bisogno di muoverci, stare all’aria aperta magari in compagnia di qualcuno, trovarsi con qualcuno per fare delle attività diverse. Se avete intenzione di visitare il Parco Nazionale del Pollino, ecco le attrattive invernali da non perdere assolutamente:

  • Ciaspolate o scialpinismo presso Piano Visitone, Colle Impiso e Piano Ruggio: questa attività stupenda consiste nel camminare sulla neve con l’uso delle racchette. Ogni anno in queste località del Viaggianello cade dai 20 ai 40 cm di neve fresca per poter ciaspolare nei sentieri tra faggete e gli alberi di Pino Loricato. Sono previsti percorsi semplici e difficili

Attualmente i percorsi disponibili sono:

  • CIASPOLATE SULLE TRACCE DEGLI ANIMALI SELVATICI questo percorso è facile e offre la possibilità di utilizzare padelle e slittini. Tempo medio di percorrenza 2 ore, pranzo al rifugio;

  • CIASPOLATE CON PRANZO AL BIVACCO O AL RIFUGIO: il percorso è di media difficoltà e ha la durata media di circa 3 ore;

  • LA CIASPOLATA DEGLI DEI: ALLA SCOPERTA DEI PINI LORICATI: percorso impegnativo e dura circa 6 ore

  • CIASPOLUNE: FACILI ESCURSIONI NOTTURNE con questo percorso potete osservare la meravigliosa natura del Pollino di sera! La pista è facile e adatta a tutti.

  • Terme di Latronico: cosa c’è di più bello di un momento di relax? Tutti ci meritiamo una piccola pausa dopo un anno passato a correre per impegni quotidiani. Le terme lucane di Latronico offrono pacchetti benessere con le cure specifiche e periodicamente piccoli servizi per la salute. Questo centro è rinomato in tutta la Basilicata proprio per le cure: dal semplice massaggio, cure inalatorie, cure per postumi di flebopatia di tipo cronico, ciclo per sordita’ rinogena, ciclo di ventilazione polmonare e infine alle cure idropiniche;

  • Scalata rocce: l’attività è consigliata per i più esperti ma può essere fatta da tutte le persone. Occorre essere attrezzati e ben vestiti. Si tratta di 2 percorsi ben definiti: timpa di Crivo località Falesie Frascineto / Eianina e Falesie del sito di Orsomarso. Non siete soli, tranquilli! Basta seguire le istruzioni scritte nella pagina http://www.isentieridelpollino.it/alpinismo-parco-pollino/arrampicata-parco-nazionale-pollino.html. Se volete l’attività include anche la traccia GPS per poter localizzarvi in ogni momento.

  • Canyoning e torrentismo tecnico: questa attività propone varie mete: il Canyon del Raganello (CS), la Forra tecnica del Caccavo (PZ), la Forra del Castiglione (PZ), il Canyon del Caldanello (CS), la Gola torrente Acqua della Fame, la Fora del Grimavolo e Fora di Fica Torta. In questi splendidi paesaggi fatti di rocce scoscesi con il passaggio di torrenti è possibile praticare trekking e/o scalata. Grazie a questa attrazione si trova una morfologia variegata del Pollino che ormai ha modellato un luogo che armonizza creste dolomitiche, impenetrabili foreste e canyon vertiginosi scavati da fiumi e torrenti impetuosi.

  • Rafting: pochi sanno che questa attività si può fare anche d’inverno. Sul fiume Lao presso la località Serra del Prete (PZ) è possibile fare un tratto facendo rafting prima che il fiume sgorghi in Calabria. Questo sport è molto divertente da fare in compagnia e permette di rafforzare i rapporti interpersonali.

Buon divertimento!

Ti Interessa il turismo di Montagna perchè non visitare anche le Dolomiti Lucane, Il monte Sirino, Appernino Lucano del Lagonegrese

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here