In Basilicata, la tradizione la fa da padrona ed ho chiesto a mia nonna le ricette tradizionali natalizie più rappresentative della regione Lucana

Per questo appuntamento ho voluto scrivere qualcosa di diverso, un articolo sul cibo ma andando direttamente alla fonte. Ho così deciso di intervistare mia nonna, che con grande piacere mi ha raccontato segreti e storie su 8 piatti tradizionali della Basilicata, la mia regione natale. Un’occasione per creare un legame tra generazioni diverse, l’occasione per recuperare antiche e preziose tradizioni culinarie e culturali. Spero che ti piaccia, così posso far sapere a mia nonna!


1 di 8 ricette tradizionali natalizie

Primi Piatti

SPAGHETTI CON BACCALÁ

Un piatto tradizionale della vigilia di Natale, preparato quando per le usanze religiose la famiglia non può mangiare carne, perchè veniva mangiato tutto l’anno. Dobbiamo far bollire il tipico “baccalà” (baccalà salato) nella salsa di pomodoro con cipolla e prezzemolo per alcune ore e poi condire la pasta con esso. Ideali con la pasta agli spaghetti, serviamo un corso semplice ma gustoso da assaporare con tutta la famiglia.


2 di 8 ricette tradizionali natalizie

FUSILLI (con il ferretto) with MOLLICA

https://search.google.com/search-console?utm_source=about-page&resource_id=https://www.basilicatadiscover.com/I “fusilli” sono realizzati manualmente con grano durum, farina e acqua e sono avvolti intorno a un filo sottile “ferretto” uno strumento originale del Sud Italia. Che mi dici della tata? Olio, briciole stantie e “peperoni cruschi” un prodotto DOP della Basilicata. Un po ‘di olio di peperoncino rosso caldo in aggiunta. “Recuperando il cibo rimasto possiamo creare qualcosa di diverso e speciale”!


3 di 8 ricette tradizionali natalizie

CUCCIVA

Molte famiglie tradizionalmente lo cucinano al pranzo di Capodanno perché la leggenda vuole che questo piatto porti prosperità nel nuovo anno. Una zuppa molto povera fatta con tutti i prodotti dell’orto: fagioli, ceci, mais, orzo e grano, bollito con “non aver paura” come diceva mia nonna, scorza di maiale, orecchie e piede di maiale ripieno. Per i coraggiosi. Delizioso.


4 di 8 ricette tradizionali natalizie

Secondi Piatti

Baccalà fritto

Sei ancora in piedi? Bene, andiamo ai secondi piatti. Dovete sapere che i nostri pasti sono piuttosto esigenti. Ancora una volta il baccalà salato “baccalà” vestito con “peperoni cruschi”, peperoni rossi secchi e croccanti, un prodotto DOP dalla Basilicata come abbiamo detto, e una delle principali prelibatezze della regione. Dopo di che possiamo friggere in olio extra vergine di oliva. Ho provato diverse volte, ma solo mia nonna può farlo correttamente.. e incredibilmente gustoso.


5 di 8 ricette tradizionali natalizie

FRITTELE DI PEPERONI CRUSCHI

Andiamo avanti con i preziosi “peperoni cruschi” nel regno dei piatti fritti. Prepariamo una pastella fatta di farina, acqua, formaggio grattugiato e prezzemolo. Poi immergere i nostri peperoni impastati in olio caldo, rigorosamente extra vergine di oliva. Anche in questo caso, anche se potrebbe sembrare molto facile, dobbiamo prestare attenzione alla nostra pastella e soprattutto alla procedura di frittura. Mia nonna giura che mi insegnerà. un giorno forse.


6 di 8 ricette tradizionali natalizie

Dolci

CRESPELLE

Uno dei nostri tradizionali sono senza dubbio “crespelle:” ciambella dolce fatta con farina, acqua, olio e lievito fritto in olio bollente. In pochi minuti saranno pronti per essere ricoperti di zucchero o miele, castano eventualmente uno. Vi dirà un segreto, proviamo anche la versione salata con le acciughe. Nonna super gustosa!


7 di 8 ricette tradizionali natalizie

CASTAGNACCIO

Un altro dolce tradizionale che grazie a mia nonna ho chiamato in mente. Molto tipici dell’inverno sono il “castagnaccio”, mini ciambelle di pasta frolla ripiena di farina di castagne, zucchero, scorza d’arancia grattugiata e vermouth, poi cotte seguendo l’antica ricetta. Non dirle che l’ho rivelato a tutti te.


8 di 8 ricette tradizionali natalizie

FICHI SECCHI

Infine, ciliegia.. ops fico sulla parte superiore! Una ricetta che è come un vecchio gioiello sepolto. Non lo sapevo per niente. Ho chiesto a mia nonna qualcosa di veramente vecchio e non più in voga, così ha tirato fuori questa dolce specialità. Devi lasciare che i fichi si asciughino al sole su una superficie di vimini durante l’estate. Quando sono essiccati al sole è possibile riempirli con noci poi versarli su ron o cognac e mettere in un piccolo vaso.


Ora conoscete forse troppi segreti culinari della Basilicata. Prova questo a casa se ne hai il coraggio. Saluti da mia nonna e Basilicata sperando di venire a trovarci al più presto!

LEAVE A REPLY

Please enter your comment!
Please enter your name here